PRIMAVERA CANADESE Senza più useleti - Uccia Ivis Superina

20 marzo: primo giorno de primaverai Xe de stamatina aim dieci, che sento annunciar con pompa magna, alla radio, che mesa ora fa gavemo fato uficialmente ingresso nela primavera. Questo, se no sbaglio i calcoli, voleria dir che dalle nove e mezza, ora canadese del 20 marzo, xe primavera. Cussi i disi lori; mi che de scienze astronomiche me intendo poco, li lasso pur dir senza discussioni; i gavera ragion senz'altro. Ai mil tempi la primavera cominciava el 21 marzo, ma i tempi xe cambiai, se sa. Ad ogni modo guardo fora, de la finestra, anzi ancora meo fora del balcon, perché cussi la vista xe pin ampia, e cossa vedo?... Grigio, che pi5 grigio no podaria esser; fisso che se podaria taiarlo col cortel; nessuna diferensa fra ciel e sera. El termometro, Santo Ciel, el segna dieci solo zero. I ga ben voia de strombazar che xe primaverai In paese «grigio e senza sole» xe solo una stagion che no sbaglia mai de arivar, e xe I 'invemo. Ma xe meo no pensarghe; xe za quaranta anni che me digo la stessa robs, ma xe assai dificile mandarla zo. Qualche ano el xe meo de I 'altro, e alora par un miracolo, e qualche volta la cosidetta prima-Vera la riva un poco prima de la fine de april. Infatti qua i disi che, per andar a vaso, mai meter fora i furl prima dela festa dela Regi na Vittoria (Ii) the xe a maggio inoltra El problema xe i sbalzi de ternperatura. Quando meto fora i mil gerani e el mio prezioso rosmarin polesan perchè se la va ben, xe un per de giorni sora zero, me toca tegnir de ocio el termometro, e tirarli eventualmente de novo dentro ala sera. De note la temperatura va a meno dieci gradi, come gnente. Qualche giorno fa de domenica, per esempio (intanto che scrivo, xe arivado aprile) ierimo tuti fora in sol, come le liserte, a zapar, rastrellar, ingrumar fassine e erba suta, per far posto ale piantine nove; gavemo perfin magna fora sul patio (a casa de mio fro Richi). La matina dopo, iera meno cinque gradi e go dovii metterme de novo quel mio capoton col capucio, al qual ghe voio «un saco de ben»... per no dir altro. In `ste ocasioni me vien sempre presente quando a Pola (un milione de ani fa) disevo «De ogi cavo le calze lunghe e meto quele curie» e mio papa diseva: «Basta col capoto, xe tempi de soprabito». Benedeti noi; se poteva fidarse del tempo, quela volta. Ma visto che xe primavera, almeno sul calendario, me vien de pensar a quei bei useleti che usava vegnir sempre a cantor sul mio balcon. Digo «usava» perché mi no so proprio dove che i xe sparidi. 1 se ciama «house finch» e i ghe somiglia ai nostri paseroti, solo i ga el soto cola e la testina de un bel rosso cupo. I me vigniva za in marzo, i saltava dappertutto e i ispezionava sempre qualche pianta suta che gavevo lassa fora all'inizio dell' invemo. Qualche anno fa, se qualche letor forse se ricorderd, gavevo scrito un articoleto per contarve che i me gaveva fato un nido, el primo, proprio in mezo a una pianta de petunie secche. Un bel nido con cinque ovetti, che gavevo scoperto quando volevo tirar zo la plank per netarla. Alora go capi perché ghe iera std tanto remitur in pergolo, tanto «via-vai» e tante serenade a squarciagola. Ben, i xe nati, i xe cressudi, e un bel giomo, tomando dalla banca dove ancora lavoravo, son andada come al solito a darghe un'ociada e go trova el nido svodo. Gaveria tanto void veder come i cominciava a svolar e sopratuto come che i partiva. Ma iero via quasi tuto el giomo. Xe passa qualche mese e intanto tute be piante iera in plena fioritura, quando un giorno me trovo un altro nido nientemeno che in una pianta de gerani; ma sul sofito del balcon, dove che i podeva star sconti e protetti come in un albero. Quella covada me la go goduda in pien e la stamina iera cussi domestica, che mi podevo anche star sentada 'bra, e no la se moveva. Li go visti creaser, moverse, tute ste testoline col colisin tirado in zenca de magnar. Spetavo the la mama andassi via per montar su un scagno e godermeli. Speremo che sta volta ghe la fazzo a veder la partenza me disevo. Fortuna voile che un bela matina, quando stavo proprio vestindome per andar in banca, sento che fora stava succedendo qualcossa fora de l'ordinario; iera tutto un svolar de qua e de la, tutto un zigar; el papa e la mama, sulla ringhiera, i guardsva el nido e gaveria da no so cossa per capir quel che i disevai Probahilmente i dava i ordini, perché i pici, sempre nel nido, tutti in mucio e tuti in pie, i apriva le alete e i te le sbateva uno sul naso dell 'altro, saltando fra i rami del geranio. La povera pianta fazeva sitolo-sotolo». 'Sto papa bisognava vederloi el saltava a destra e a sinistra, che el pareva el sergente magior che ghe da ordini a le nove re-c lute spauride. Dove capir che, nel frattempo, mi me iero messa, in combine come che iero, in pie sulla poltrona che go proprio soto el finestron che da sul pergolo. El vaso de gerani me iera la davanti ch'el pindolava e le tende de veto me scondeva a Is vista de sta zaia de usei. «A costo de far tardi, sta volta no me movo e stago a veder». Tutto a un trato, proprio come per ubidir a un ordine ricevudo, i se lancia tuti quanti e sparissi come frecce. Tuti... meno uno... Lo guardo, povereto, sempre la, tuto solo che 'el tira el colisin, el sbati le alete, el se alza, ma el casca zo de novo. El prova tante volte, ma gnente. Come un razzo, arriva el papa, el se pianta de novo sula ringhiera, e el comincia da capo tuta sta musics de zighi e urli. Pareva che el ghe disessi «Su, picio mio, daghela, fate forza che son qua mii» Mi iero semplicemente incantada. El povero picio, a forza de dai e dai el ciapa el volo e dove el va a finir? A sbater contro el vetro dove che iero mi, de drio. Vedendomelo cussi de contro, all'improvviso, go fato un tal scatto, robs che me tombolo zo dela poltrona. El svola, el zerca de gram-parse sula cornice de aluminio de is finestra, che, povereto IS, la sbrissava p15 che mai. 'Sto papa no is finiva de zigar, fin'ch'el picio dopo un ultimo salto de novo sul geranio, finalmente el ciapa el volo e i due sparissi insieme. Lieto finei Mi iero sempre la inbambolada, credeme, in contemplazion del ciel, che el iera celeste, tanto per cambiar, co la mente persa drio quel che gavevo visto. Che tenerezza, 'ste creaturine cussi picie, cussi intelligenti, svolade via a cominciar la propria vita, libere come l'aria. Sto universo stupendo, `ste legi de natura che ne regola tuti quanti. Son ands via de casa, quela matina, col cor che me cantava. Adesso me domando ancora perche, da quell'anno, noi xe più vignudi a nidilicar sul mio balcon. I ga fato ancora un terzo nido in quel la stagion, sempre sul stesso geranio. Con 'sto casamento de venti piani e al meno un centinaio de balconi sulla stessa facciata a ponente, i gaveva tank scelta. Pien de alberi in giro al palazzo e cussi ai due lati della strada, eppur i gaveva scelto el mio balcon. Forte la prima coppia gaveva fat-to bona propaganda in giro: i paroni iera gente tranquilla, nientegatti in giro, tante piante... chi lo sai Cussi la tern nidiata xe nata, altri cinque ovetti se ga verto, 'Ste sgnesolete ga messo le plume e mi, pratica col mio scagno a portata de man, le tegnivo de ocio. Un bel giorno go monk su per vederli e se vedi che go fato mal i conli perche, appena che i ga visto spuntar sull'orizzonte el mio naso... no go capi tropo ben coss'che xe sucesso, perché xe std solo tutto un sbatter de ale, che pareva le pale de un ventilator, e go dovudo far marcia indrio a precipizio e lori xe partidi in tute le direzioni, come «Le frecce tricolori» co fa la bombs; un due de lori sbrissando prima sul cemento lustro del pavimento, e po' via, al largo. E chi s'è visto, s'e visto; xe sta l'ultima volta che go avudo an «Close Encounter» (incontro ravvicinato) coi usei. Son restada la, tai mal, con una punts de rimorso per aver causado quel fugi-fugi inaspetado. Me domando ancora se questa xe la causa de sta diserzion. Xe vignude altre coppiette a ispezionar le piante, a confabular fra de lori, ma i xe andai altrove. Forte se said sparsa la voce che «sta parona la xe un poco ficcanaso», e non posso darghe tono. I iera cussi cocolii Sto anno speto ancora che arrivi primavera; servo sempre solo zero; le piante xe tute dentro. Me consolo legendo questa pagina del mio diario de scola, terza ekmentare, scuola Dante AI ighieri: ve mando un copia c intanto mi sento quel odor de tern liepida, el sol me carezza e sento el rumor dele foie seche mentre inarumo i ciclamini. Steme sempre ben e in gamba tutti. Uccia Ivis Superina

Dal numero 2986

del 24/05/1997

pagina 4