- II 30 luglio 1977 moriva a soli 51 anni Claudia Del Pino...- foto

II 30 luglio 1977 moriva a soli 51 anni Claudia Del Pino, cara amica di gioventù a Pola dove ci si incontrava per i consueti vagabondaggi in bicicletta; dopo l'esodo laureatasi in medicina, opera professionalmente a Brescia; maritata Salvi Mazzoleni, fu sempre vicina alla comunita degli esuli ed al presidente locale Antonio Cepich, che la ricorda caramente anche per il rapport. familiare (Claudia mori tra le braccia di sua moglie Rita, anche lei poi anzitempo defunta); Claudia volle essere sepolta nella tanto amata Pola e Beni Nider cosi la ricordo: ,Sono ritornata a Pola, amici, a cercare, Ira pietre muscose e rovi e ginestre e pint e voci di mare, l'eco lontana del mio spensierato ridere di amata fanciulla Tra le carte riaffiorate nel recente trasloco di sede, abbiamo ritrovato queste lettere manoscritte di Claudia, purtroppo senza data. Lettere di Claudia Giorni fa venendo a casa dal la mamma l'ho trovata commossa con i lacrimoni. Con tante disgrazie e dispiaceri che purtroppo ci hanno colpiti in questi ultimi due anni, ho preso un grande spavento. Temo ormai tutto:giornali. poste e telefono mi sono nemici. Invece niente di male: il tuo biglietto le ha facto bene. Ti dirt) la verita ha commosso anche me, perchè sentirsi ricordati con benevolenza fa piacere. La mamma a qui a Brescia per non stare sola a Como. lo faccio il medico qui ormai da anni e da anni ormai non scrivevo cose belle per non farmi mandare accidenti' anche da te. Io vado sempre d'estate a Pola; in barca e motore esco al mattino e rientro alla sera; la mia zona sempre stata, da quando avevo 5 anni. da Verudella al Faro di Promontore; ora mi limito nei movimenti, anche perché molti luoghi verso il porto sono inaccessibili. Penso a Papà"' mio che e morto vicino al mare (spero proprio di non morire a Brescia). Carissimo , ora con la mamma ti ringrazio motto. Chissà che un giorno non ci si riveda. Ti auguro tutto sl bene possibile. A te grazie ancora di cuore e arrivederci. xxx Carissimo, scusami se rispondo appena ora, ma sono finita all'ospedale. Non so ancora cosa ho e mi comporto proprio da raccomandata rendendo come al solito le cose complicate. Ti ringrazio motto per l'omaggio. Ho letto il tuo libro, cosa ne penso? E' un rischio a chiederlo, specie ora che ho tempo. Posso dirti una cosa: io ora vedo la vita in bianco e nerd; l'epoca del Tecnicolor per me passata. Non Iottare più contra i mulini a vento. A te sembra ancora possibile spronare gli uomini di buona volontà a fare cose che non danno reddito di nessun genere? La nostra generazione e stata decimata dall a guerra: quelli che sono rimasti non tutti hanno gli ideali di cui parli: noi di grazia siamo arrabbiati perché ci hanno tolto la terra sotto i piedi; quelli di la sono intristiti perché non hanno la possibilità di soddisfare della ambizioni umane, altrove possibili. Conclusion: ci si può illudere che certe soluzioni possano esserci; ma a quando sl poterle realizzare? Steno ci credeva: non c'e più. Sono certa 'the se ci fosse ancora ci avrebbe rinunciato. lo non ci penso più;e meglio affrontare la realtà nuova, con pia o meno coraggio che illudersi tutta una vita piangendo il morto ed aspettando che resusciti. Mi spiace di non incoraggiarti. Sono certa che lo andrai tranquillo per la tua strada. Sei più ricco di me con la tua fede; te ne do atto. xxx Mi spiace non averti visto a Brescia. Fatti vivo appena passi di qua. lo ogni tanto vado a Pola; pero se ci vado prendo sl mio motorino, lo attacco ad una bar-ca che affitto e vado via dal mattino alla sera. In città non vado mai. se non per il flit o cose del genere. Evito se posso di guardarmi in giro: mi fa male.Le case pero mi sembra che migliorino; la gente comincia a pitturare muri e persiane, ed a mettere le tendine alle finestre. Alle volte penso che potrei, in un giorno di malinconia, andare a fare il medico a Pola; mai poi rimpiangerei l' Italia; lo so già come sono,. Non sono mai soddisfatta. Accontentarsi e dei saggi. Stammi bene e grazie ancora di cuore.

Dal numero 3035

del 16/05/1998

pagina 7