Gita lunga 3000 CHILOMETRI A torsiolon per l'Istria - foto

Didascalie: Santuario della Misericordia a Buie San Sabha a Castel venere Eccome, son de novo qua! hebriado e insaziado de mar e tern istriana, Spero de recuperar la ovena. c contarve quel che go visto. Prima de tuto onor a mia moglie (genovese) che in se lo merita, perchd: .Senti, la me disi, ti faccio una proposta. TL paghi tutto (sta roba no me xe nova) ed io ti faccio compagnia per un bel soggiomo in Istria.. Se pol rifiutar una siffatta offerta? No go miga scrito .M. in fronte. Cuss( el Io aprile (al la faccia del pesce...) a le ore 4 de matine gavemo Mira el biglieto a la stasion de l'autostrada, per tomarghelo indrio la sera del 30. Un mese de sogno. Me son scarigg de tote le mie energie in un giro sensa fine de oltre 3.000 Km. a torsiolon per l'Istria. 1 letofi de bona memoria, che stoicamente i legi le mie ciacolade, se ricordera che, ogni tanto, scrivevo: «questo lo meto in nota per el prossimo viaggio, se Dio me aiuta.. Xe sea veramente cussi. Sfogliando le pagine del notes, vegniva fora tun i apunti e mi, giorno dopo g, IClMO, volavo per andar a veder quel che gavevo segng. Contrariamente a quanta che go fato fino `desso, contando robe che legevo sui libri (quanti errori e quanti che se ga 'rabic) stavolta contarb... dal vivo..., come che go visto mi. A questo proposito, me ga ratrista tanto la notizia riportada sia dal Notiziario Pisinoto, sia dalla Famia Ruvignisa, de Ia morte (28l12l1997) del nostro corregionate Mons. Luigi Parentin, autor de stupendi I ibri su l'Istria, dai quail mi ciolevo tanti spunti. Tomemo al Io Aprile. Un cielo sereno e pien de stele, iera el miglior bielieto de visite per questo inizio de viaggio. Ma. dopo do ore, 'pena fora de Parma, se semo trovadi dentro la nebbia. Noi che semo 'bituadi ai rossi tramonti de la riviera figure, ne ga ciapa un «spaghetti.. che xe meio di menticar. Per prudensa se semo fermadi una oretta in una area de servisio. per spetar un poco de ciaro. Plan pianin gavemo ripreso of viaggio, co 'sta nebia che la iera inamorada de noi e Ia ne tigniva streti streti. Noi gavariimo fato volentieri de meno. Dopo lo svincolo stradale de Mestre, 'sto malegnaso disturbo atmosferico el iera squasi sparido e ne vigniva incontro el dolce mormorio de le acque del Piave, anche se no iera ancora e124 Maggio. Sul mezzogiomo ierimo drio Trieste, in una area de servisio che no la ga el ristorante. Dobbiamo mangiare dei panini, me urta la mogliettina. E no, picia mia! Se comincemo a rovinarse el stomigo 'pena partidi, poveri noi. A 70 ani, in pien de la vigoria giovanile, 20 Km in più o in meno. xe come el suchero su le fragole. Monta, monta che andemo magnar ben, A la frontiera un cartel ne disi: .Dobro DoS1 i (benvenuti) e un altro, più avanti ne augura .Sretan put. (buon viaggio). Con el zervel in allenamento per entrar corpo e spirito in un abbraccio europeo, ciolemo in ben tuto quel che ne disi ben. Altra energica fracada al acelerator e se trovemo sentadi, in riva al "mare nostrum. a Capodi stria. I Nunn' che se li magni i tumbani! Pesse, pesse e pesse e una grapetta al miele per far bona malta. Dopo la seconde frontiera, sempre tuto lisso come l'oio, me affascina ogni volta el paeseto de Castelvenere. No posso far a meno de fermarme, nonostante le brontolade de la compagna de viaggio che non la ga torto. Xe una roba più forte de mi. El me ricorda sempre el primo ritorno in Istria e la costa soto l'ombra del campanile de la Cesa de S. Sabba. Chi. come mi, ritorna in Istria per veder tuto e anca de pit), no pol no esser attratto da quel minuscolo ma grazioso cocuzzolo de case che xe el paese de Buie. E anca qua devo sempre far una picia fermada. Di questo passo, me rimprovera la doneta, quando pensi di arrivare a Rovigno??? Daghe tempo al tempo; prima de sera semo in albergo. A Buie dovevo rifermarme per far fotografie più bele al Santuario de la Misericordia. Quele gin fate, le ga davanti un mastodontico lodogno che gaveva coverto tutta la Cesa. Per atenti studi e per frequentazioni (grazie a Dio), le strade de l' Istria, per mi, no le ga segreti; quindi, dopo S. Lorenzo del Pasenatico, no me fazo inbroiar dal novo cartel indicatore che disi: Pula, se euendo un taco de autostrada. Ciapo la vecia strada per Orsera in modo da podcr ci,stegiar la parte finale del Canal de Leme. Subito vicin de l'incrocio Or-sera e strada statale, se trova un slargo dove xe un trespolo per veder da più in alto un ampio trato del Canal. Pochi chilometri più avanti, xe stn sistemil un incrocio indove bisogna tegnir i oci 'verti, per no sbagliar strada e ciapar el toco finale che mena a Rovigno. Subito fora del paeseto Villa di Rovigno (ma i cartei disi Rovinjscko Selo), se se trova in un lungo rettilineo e la, in Tondo, soffuso da una dorata lute de tramonto, svetta altissimo l'esile campanil de Rovigno. Sicome -cuss( disi mia moglie mi quando entro in Istria vado in brodo de sisole e guido in stato comatoso, a quel punto no solo vedo el campanil, ma... sento... un festoso scampanioche sensa idiomi veci o novi me augura .benvenuto.. El tempo de scarigar la macchina e se fazemo ingiotir dai profumi e da le loci che indora el porto de S. Caterina. Semo a Rovigno. Buonanote; domani sara un altro giomo. Fausto D'Asta

Dal numero 3041

del 27/06/1998

pagina 2