Gli insegnanti di Capodistria - foto

Didascalia: Allievi - maestri che conseguirono la maturità nel luglio 1913 all'Istituto Magistrale di Capodistria: Marini F., Ghero G., Cerne, Antoncich, Furlani, Tamaro, Cortese, Zanier Bulicich G., Weis Gast., Vidrich, Dececo, Giadresco, Danielis, Paolettich, Degrassi Antonaz, Baroni R., Revere, prof. Larcher, Visintini, Predonzani, Ferlan Z., Zavadlav, Depangher, Fabretto, Catnich, Heslop. Assenti Carbucicchio, Chierego, Dorigo e Zetto SABATO 22 giugno, come abbiamo già riferito, si è svolta a Trieste una simpatica manifestazione: gli insegnanti elementari che ne gli armi passati frequentarono l'Istituto Magistrale italiano di Capodistria, hanno offerto alla Scuola «Nazario Sauro di via S. Giorgio la bandiera, alla presenza del provveditore agli studi di Trieste, di molti ispettori, -direttori e maestri. Fungeva da madrina Anita Sauna, la figlia del Martire capodistriano. La manifestazione ha avuto momenti di vera commozione. Nella chiesa di S. Antonio cerchio è stata celebrata la Santa Messa anche in suffragio degli insegnanti defunti. Quindi nei locali dalla Scuola è stata ber maletta la bandiera che nel futuro ricorderà agli alunni il nostro Eroe del Muro Alle cerimonie che accompagnarono l'offerta e la benedizione della bandiera, hanno assistito molti insegnanti che studiarono e ottennero il diploma di maturità magistrale nella ridente e italianissima città di Capodistria, dopo l'anno 1909. Difatti da quella data vi furono introdotti programmi italiani e vi insegna tutti professori italiani che educarono italianamente. Da i quell'Istituto, vanto dell'Istria uscirono a centinaia i maestri che, adottando nuovi metodi nell'insegnamento, si disseminarono in tutta l'Istria e a Trieste. Fra gli insegnanti dell'Istituto Magistrale di allora, ricorderemo qui i valenti professori Matteo Martin, Pio Babuder, Giuseppe Retti, Melchiorre Conati, Antonio Depangher, Domenica, Blasig, dott. Vittorio Grarnmaticopulo, don Stolfa, Eugenio Paulin, Ranieri Cossar, Catolla, Finzi, Bombig, Debegnak, Serini Tevini, Venturini, tutti insegnanti di grande valore che gli allievi di allora, ancora oggi, ricordano con particolare affetto. Alla manifestazione hanno presenziato molti maestri che, ormai sul viale del tramonto, con le spalle curve dal peso di tanti e danti anni d'insegnamento, amano ancora ticol-rime, quando s'incontrano, le vicissitudini del presame, del passato prossimo e remoto e qualche volta... del futuro. Nella foto, ritratti con il Direttore prof. Giovanni Lata..., possiamo riconasee re alcuni maestri istriani, studenti dell'ultimo corso magistrale dell'anno 1913: Piero Depangher, Giovanni Visintini (Capodistria), Elio Predonzani (Buie), Oddone Cortese Parenzo), Ferruccio Marini (Visinada), Basilio Antonaz(Visignano), Sergio Fabretto, Nino Furlani, Ottavio Giadresco, Attilio Tamaro, Giacomo Vidris e Leonardo Zanier (Pala); gli altri sono triestini : tutti maestri che hanno amato e amano ancora la scuola, come ai tempi della loro verde età, pur avendo le chiome già incanutite dal tempo.

Dal numero 1381

del 09/07/1963

pagina 3